Questo sito utilizza cookie utili al suo funzionamento, allo scopo di migliorare il servizio offerto. Per maggiori informazioni consultare l'informativa sui cookies
Proseguendo la navigazione si considera accettato il loro utilizzo. 

  • Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna
  • Papa Francesco nell' Aula Magna della Facoltà Teologica
  • Inaugurazione nuovo Anno Accademico
  • Sala consultazione della biblioteca
  • Targa commemorativa della visita di papa Francesco in Facoltà
  • Bacheca della Facoltà

CS103 Tradizione e tradizioni (T-SIS/02)

- Prof. P. FABRIZIO FABRIZI S.I. - 2 ore / 3 ECTS

Nella vita della Chiesa, il polo della Tradizione, in stretta connessione con il polo della Sacra Scrittura, si presenta non soltanto come veicolo dei contenuti della Rivelazione cristiana (verità di fede, verità morali, prassi cultuale), ma si pone soprattutto come regola di interpretazione e di trasmissione della Parola di salvezza di Dio, definitivamente compiuta in Gesù Cristo. La Tradizione, pertanto, non funge da contenitore astorico di dottrine soprannaturali, ma indica peculiarmente il processo dinamico di comprensione e trasmissione del mistero salvifico maturato nella vita della Chiesa lungo i secoli.
Il corso si prefigge di esplorare tre differenti modelli di comprensione dell’autorità della Tradizione in rapporto alla Rivelazione di Dio in Gesù Cristo: la Tradizione quale fonte delle sempiterne verità di fede (primo modello); la Tradizione come autorità magisteriale e giuridica a sé stante, cioè esterna alla vita della Comunità di fede, che determina il corpo delle dottrine da credere e la prassi etica e cultuale da osservare (secondo modello). Il terzo modello, attestato dai documenti del Concilio Vaticano II (in particolare nella Costituzione dogmatica Dei Verbum), intende la tradizione non tanto come un deposito di verità dottrinarie – complementare a quello della Sacra Scrittura - promulgate dal Magistero ecclesiastico, quanto il soggetto ecclesiale attivo e vivente di accesso e di attualizzazione/trasmissione, inseparabile dalla Sacra Scrittura, dell’economia di salvezza del Dio di Gesù Cristo. In definitiva, la Tradizione quale processo circolare, della continua assimilazione e attualizzazione dell’Evangelo di Gesù Cristo nella vita della Chiesa e della sua trasmissione efficace nella storia umana.

BIBLIOGRAFIA: AA.VV., La trasmissione della fede, Morcelliana, Brescia 2007; J.-G. BOEGLIN, La question de la tradition dans la théologie catholique contemporaine, Édition du Cerf, Paris 1998; E. CATTANEO, Trasmettere la fede. Tradizione, Scrittura e Magistero nella Chiesa: percorso di teologia fondamentale, Edizioni San Paolo, Cinisello B./MI 1999; Y. M.-J. CONGAR, La tradizione e le tradizioni. Saggio storico, Edizioni Paoline, Roma 1961; ID., La tradizione e le tradizioni. Saggio teologico, Edizioni Paoline, Roma 1965; A. FRANZINI, Tradizione e Scrittura. Il contributo del Vaticano II, Morcelliana, Brescia 1978; J.R. GEISELMANN, La Sacra Scrittura e la tradizione, Morcelliana, Brescia 1974; D. HERCSIK, «Teologia della Tradizione ed elementi di Ecclesiologia Fondamentale», in G. LORIZIO (ed.), Teologia Fondamentale. 2: Fondamenti, Città Nuova, Roma 2004, pp. 235-281; H. HOLSTEIN, La tradizione nella Chiesa, Vita e Pensiero, Milano 1968; D. WIDERKEHR, «Il principio della tradizione», in W. KERN - H.J. POTTMEYER - M. SECKLER (a cura di), Corso di Teologia Fondamentale. 4. Trattato di gnoseologia teologica. Parte conclusiva: Riflessione sulla teologia fondamentale, Queriniana, Brescia 1990, pp. 107-136.