Questo sito utilizza cookie utili al suo funzionamento, allo scopo di migliorare il servizio offerto. Per maggiori informazioni consultare l'informativa sui cookies
Proseguendo la navigazione si considera accettato il loro utilizzo. 

Biblioteca, dieci opere di Maria Lai in mostra

CAGLIARI, 5 dicembre 2017 - Dieci lavori dell'artista ogliastrina Maria Lai (1922-2015) saranno esposti nella sala lettura della biblioteca della Facoltà dal 5 al 22 dicembre 2017. La mostra - organizzata dalla Facoltà Teologica in collaborazione con l'Archivio "Maria Lai" e il Museo Diocesano D'Ogliastra - ha per titolo "Duemila Natali di guerra" e sarà visitabile da tutti, negli orari di apertura della biblioteca (dal lunedì al venerdì, mattina 9-13; pomeriggio 16-19). In allegato, la locandina e una brochure dedicata a Maria Lai.

 "Questa mostra", ha detto il preside della Facoltà, padre Francesco Maceri, in occasione dell'inaugurazione, "vuole favorire 'quel dialogo con l’umanità che trova nell’arte il modo di incontrarsi vitalmente con l’evento cristiano'. Qualche giorno fa, in una intervista, un noto filosofo rimproverava anche noi cristiani di essere diventati incapaci di cogliere il significato sconvolgente del Natale e, quando non lo riduciamo a consumismo, di limitarlo ad un esemplare morale di buoni sentimenti e di valori. Dimentichiamo che Dio non solo si abbassa verso l’uomo, si rende accessibile, entra in relazione con lui, ma diventa egli stesso uomo! Diventa bambino. Nella nudità, fragilità e assenza di eloquio dell’infante si presenta ai nostri occhi la povertà che Dio ha scelto per comunicare senza trattenere né disperdere la sua pienezza di grazia, la sua bontà senza misura e la sua ricchezza di umanità (cf Tt 3,4). Questa povertà stupefacente eletta da Dio per amarci vedo riflessa nelle opere di Maria Lai qui esposte. Le bianche linee che aprono l’oscurità diffusa sotto il tratto stellato sono come passaggi stretti per i quali Dio invisibile ci viene incontro in forma umana. L’augurio è che sappiamo accogliere l’invito al silenzio che il luogo e le opere ci rivolgono, sospendere i sottili ragionamenti e ricevere dall’arte il dono dello stupore. E’ Natale!". 

 

- Leggi la locandina della mostra

- Leggi la brochure